L’idea / The idea

IMG_5215

Un anno per decidere cosa ti appartiene e cosa no, quello del 30° anno di una coppia: Marianna e Antonio legati da 7 anni, che a un certo punto hanno azzerato tutto per ripartire.

Stage, contratti a progetto, contratti del tipo “qualcosa poi succederà” e invece non cambia mai niente. Sia nella megazienda dove lavora Marianna, nel campo comunicazione, media e tv, dopo una laurea triennale in Sociologia e specialistica in Comunicazione pubblica, sociale e politica. Sia nella piccola, dove lavora Antonio, dopo gli studi in giornalismo e nuovi media e un master per lavorare in editoria.

Ognuno nel suo campo è un appassionato, entrambi sono curiosi e amano viaggiare. Da Napoli dove si sono conosciuti, hanno studiato e realizzato qualche piccolo progetto, si trasferiscono a Milano in due momenti diversi. Sono mesi di Frecciarossa e Skype per sentirsi più vicini, camere in affitto a 500 euro e convivenza con amici. Finché Marianna non raggiunge Antonio e allora prendono una piccolissima casa già arredata per iniziare un altro pezzo di strada insieme. La prima cosa da fare è comprare le stoviglie per la cena.

Fanno qualche passo sul lavoro, si sentono fortunati perché un lavoro ce l’hanno e quelle in cui spendono il loro tempo sono delle realtà che viste da fuori fanno invidia a tutti gli altri. E poi come la metti con la crisi? La disoccupazione? Nel 2013 fanno un lungo viaggio negli Stati Uniti: New York e poi dall’altra parte, Arizona. Forse è davanti al Grand Canyon che prendono questa decisione, guardando il delta del Colorado turchese contro le rocce aspre, o forse è mentre il sole scompare fra i grattacieli di New York al tramonto… sarà, ma qualcosa, tornati a Milano, manca. Quanto è grande e diverso il mondo rispetto a Piazzale Loreto. La tentazione di lasciare tutto e ripartire ritornati a Malpensa è forte, pulsa come il mal di testa da Jet lag. Solo che con un po’ di sonno quello passa, il tarlo resta.

Ma il lavoro c’è, forse si smuoverà qualcosa. Aspettiamo che arrivi il nostro turno.

Un bel “no” a proposte di contratto flessibili e precarie “èilmassimochepossiamodarti”. Via, si cambia. Regalano, donano, vendono, tutto quello che nella loro casa al 6° piano avevano, e anno nuovo vita nuova tornano a casa. Tappa Napoli. Fondano un’associazione: Econote, editrice del magazine che hanno fondato nel 2008 sull’ecologia e la sostenibilità. 30000 visite al mese, 20 redattori fra l’Italia e l’Europa. L’idea di creare valore e dare un contributo alla collettività.

Da lì organizzano il giro intorno al mondo. Sarà un giro improntato allo slow travel, assaporando tutte le esperienze che un viaggio può dare, dove gli imprevisti e i cambi di rotta saranno i benvenuti. L’unico obiettivo è quello di arricchirsi di parole, immagini, esperienza. Per tornare con una valigia pesante di vita. È l’anno che dedicheremo a noi, è il nostro 30annozero.

www.30annozero.com

One year to decide what belongs to you and what not: this is the 30th year of a young couple: Marianna and Antonio, 7 years together, suddenly decide to change their lives andto follow their heart, restarting from zero.

Internships, vague contracts – often some kind of  yes-someday-something-will-happen contract – but nothing changes. Marianna is in a big company, she works in communications, media and TV, after a three-year degree in Sociology and a specialist degree in Public Communication. Antonio works in publishing, after studied journalism and new media.

Both are passionate, curious and they really love traveling. From Naples, where they met, they studied and they worked on ​​personal projects, they decide moving to a bigger city, Milan, to find a better job. The stability.

They feel lucky because they have a job. Nowadays, this is everything. Many friends of them don’t have a job and they often think about it. One of their worst dream is: And what if we loose the job? 

In 2013, they make a long trip across the United States: New York and Arizona. Maybe everything happens in front of the Grand Canyon, looking at the delta of the Colorado turquoise against the rugged rocks, or perhaps they decided to change their lives on the skyscrapers of New York at the sunset. When they come back in Milan something is changed.

But the work is in Milan. The question is: everything we need is to have a work?

A new life is waiting for them in Naples.  They found an association: Econote, a step forward of the magazine that they founded in 2008. Ecology and sustainability are the main topics. 30000 visits per month, 20 bloggers in Italy and Europe. They want to create value and give a new contribution to their community.

Step two: they think about the organization of a long trip around the world. It will be a revolution marked by the slow travel, enjoying all the experiences that a trip could give to you, also with unexpected events and changes of direction. The only goal is to get rich in words, images and experience.
This is the year that we will dedicate to us, it is our 30annozero.

http://www.30annozero.com

10 thoughts on “L’idea / The idea”

    1. Ciao Daniela!
      Che bello leggerti, mi fa piacere sentirti. I cambiamenti sono sempre positivi e questo ci dà forza ed energia.
      30annozero è un progetto e un sogno, un nuovo modo di vivere e crescere come coppia. Siamo pronti, come non lo siamo mai stati.
      Un abbraccio a te!

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...